Benvenuti nelle FAQ.
Domande e risposte
per gestire il Vs servizio
www.

«
»


Consiglio Newsletter

Inserito il Mar 6, 2011 Condividi

esempio di cliente che invia 60 mail per volta e risposta a perchè non inviare 90 mail per volta con outlook o via php

Salve

sono cose molto diverse inviare 60 mail in un botto o 60 mail cadenzate, per esempio, in 30 secondi

1500 l’ora se sono cadenzate X ogni Y secondi hanno una logica mentre se inviate con 3,4,5 invii non ha senso, ma neppure 10, non a caso chi invia molte mail, usa dei software adhoc con batch per diversi motivi

spam
carico server
limiti esistenti per un invio idoneo smtp
limiti ISP di mail gratis (libero, telecom, ecc)
a parte poi le faq del fornitore   http://info-hosting.serverweb.net/posta-in-uscita-smtp/ che potrebbero essere di minor importanza
mandare 60 mail in un botto significa lato server creare 270 processi
20 exim (mail server) + 20 antispam + 20 antivirus
per fortuna il server è pesante e regge benissimo l’invio a menoc he non lo facciano in 10 clienti insieme

mandare 60 mail in un botto significa dar la possibilità a chi vuole fare spam di usufruire di tali possibilità. Non siamo in una rete molto bella (soprattutto ultimamente) e il 30% delle caselle mondiali sono sniffate
Capita spesso anche a noi di avere clienti che hanno account sniffati da pc zombie e se non vi fossero limiti sarebbe un problema lato server e lato clienti

mandare 60 mail in un botto significa che molte mail possono non venir consegnate (e ne vediamo tante visto che molti non usano un sender valido) perchè molti ISP le bloccano o le consegnano dopo ore

mandare 60 mail se diverse di esse sono verso un ISP questo di default blocca per spam l’ip creando problemi ad altri clienti, a voi, e a noi
Vero che a volte basta anche solo 1 mail non autorizzata (mail a cui si può scrivere: log di iscrizione, accettazione via email e web, salvataggio dell’ip di chi riceve la newsletter al momento dell’iscrizione, possibilità di disiscriversi dal link nella mail), però se si può ovviare a tal problema, meglio per tutti

pertanto perchè non usare i tool esistenti e anche accortezze per far in modo di riuscire a contattare tutti senza rischiare diverse situazioni spiacevoli?

Al cliente dovrebbe spiegare queste cose, poi noi possiamo anche togliere
il limite e portarlo a 60 ma anche a 80 al millesimo di secondo come stà facendo questo cliente, però poi non vorremmo vedere mail con scritto: questo ISp ci blocca, vediamo l’invio rallentato,mail che non arrivano perchè il sender porta un IP nell’header (esempio telecom) che è in spam list (capitato moltissime volte)
Visto che loro non hanno IP fisso, ma dinamico, vi può capitare che quell’ip è in una classe bannata da qualche ISP che usa antispam RBL (parlaimo di hoster non telecom, libero, ecc) e a quel punto le email van perdute

Inserisci Commento/Domanda/Risposta

Commento